Space X o Blue Origin?

Potrebbero interessarti anche...

Nessuna risposta

  1. alessiox1 ha detto:

    Come prima cosa ti faccio i complimenti vedere un blog che tratta questi temi non è una cosa comune , riguardo a questi nuovi lanciatori un piccolo appunto il primo stadio del falcon 9 si stacca quando si trova a circa 70 km da Terra poi arriva a circa 110 km e poi piano piano comincia a scendere come si vede ormai nei molti video in cui succede.Per quanto riguarda le capacità del falcon heavy quest’ ultimo dovrebbe essere in grado di portare fino a 16,8 tonnellate su Marte (in versione sacrificabile),per quanto riguarda il new glenn vorrei sapere le sue capacità sia in versione riutilizzabile che in versione sacrificabile secondo alcuni in quest’ultima configurazione potrebbe portare fra le 70 e le 90 tonnellate in orbita terrestre bassa rendendolo il secondo razzo più potente costruito dal uomo dopo il saturn 5 escludendo il razzo che portava lo shuttle, per quanto riguarda ITS ricordiamo che quel sistema comprende 3 sistemi ovvero il razzo ,la navicella e la cisterna orbitale da lanciare prima in orbita dove poi la navicella si potrà rifornire prima di partire secondo Musk servono 43 miliardi per la navicella 10 per il razzo e 8 per la cisterna orbitale(e penso che parliamo per difetto) quindi parliamo di più di 60 miliardi però non sanno come rifornirla su Marte per farla tornare sulla Terra…….comunque il budget della NASA attualmente e molto basso e l’amministrazione Trump(come quella Obama )non sembra particolarmente interessata a questo settore.

    • Stefano Piccin ha detto:

      Grazie per i complimenti. Spero di potermeli guadagnare. Ti ringrazio anche per l’appunto. Ho corretto subito il dato.
      In effetti il New Glenn è una bella bestia e se Blue Origin non prenderà il vizio di Space X di fare in ritardo qualsiasi cosa penso che ne vedremo delle belle da quest’azienda. Per quanto riguarda l’ITS la vedo molto brutta. E’veramente una cifra esorbitante. Musk giusto in questi giorni ha ritrattato le sue dichiarazioni sull’atterrare su Marte con la Dragon. Detto in parole povere Marte è ancora molto lontano a mio avviso.

      • alessiox1 ha detto:

        Avevo letto(ma parliamo di rumors) che il new gleen dovrebbe essere in grado di portare fino a 45 tonnellate in LEO ,ricordiamo che le blue origin punta molto sulla Luna e se leggi le nuove dichiarazioni di Musk oltre a essere più realistiche per la prima volta parla di una base lunare per riaccendere la passione su questi temi dato che Marte per il momento è un miraggio, alla fine se per il momento non riesce a far ammartare la Dragon che pesa 6, tonnellate immaginiamo l’ITS che dovrebbe pesare centinaia anche se ha detto che a fine settembre presenterà una versione di questo sistema visto gli sviluppi attuali ,ITS non potrà essere sviluppato se non c’è dietro il governo americano (con i suoi fondi) ,penso che la space x dovrebbe puntare a fare una “moon dragon”dato che poi proprio la NASA aveva presentato un bando per un sistema con cui portare carichi sulla Luna (a cui la blue origin si è presentata) e poi magari con la giuste modifiche la dragon potrebbe portare esseri umani sulla Luna. Oltretutto dato che la NASA sembra voler fare una stazione in orbita lunare la space x e la blue origin potrebbero approfittarne per dire alla NASA di usare i loro razzi per portare in orbita lunare questi moduli di questa stazione avendo un prezzo molto inferiore rispetto al razzo SLS(al momento si parla da un miliardo fino a un massimo di 1,8 miliardi al lancio) e poi la space x vuole far fare un volo con dei turisti intorno alla Luna il prossimo anno lanciati con la dragon v2 e con il falcon heavy ,probabilmente se ne parla per il 2019/2020 e la spacex ha detto che se la NASA è interessata loro verranno prima rispetto hai turisti, in questo caso la dragon v2 potrebbe essere usata come navetta per arrivare a questa stazione rispetto alla navicella orion che essendo lanciata con il razzo SLS sarebbe molto più costosa.

        • Stefano Piccin ha detto:

          Ho visto il discorso di Musk di questi giorni e sono assolutamente d’accordo con te. Sicuramente il CEO di Space X non è l’ultimo arrivato e ha dimostrato di saperci fare col marketing. Sono anche convinto (come lo sei tu) che è impensabile pensare a una missione umana su Marte senza prima tornare sulla Luna.
          Vedremo nei come si evolverá la situazione. Chi vivrà vedrà 🙂

  2. alessiox1 ha detto:

    A fine settembre vedremo cosa dirà Musk sul ITS oltre che entro fine anno il falcon 9 block 5 (versione finale) e il falcon heavy ,un ultima cosa anche se non so se è possibile fare potresti fare un cambiamento nel blog in modo che appena uno entri in homepage da qualche parte c’è scritto commenti recenti e in piccolo si vedono quali articoli sono stati commentati e magari da chi ? in genere è una funzione presente in molti blog o almeno mettere il numero dei commenti prima di aprire l’articolo cosi magari un lettore abituale del blog sa se in quel articolo ci sono nuovi commenti senza dover guardare l’email(sono se ha messo la funzione notificami nuovi commenti) che magari uno non controlla sempre o sempre aprire ogni articolo commentato di recente, questo in un blog aiuta.

    • alessiox1 ha detto:

      A niente ho visto la funzione campanella in alto al blog scusami…….

      • Stefano Piccin ha detto:

        Purtroppo questo layout non prevede una funzione per mettere in risalto quanti commenti ci sono per ogni articolo. L’attuale design è però decisamente provvisorio e potrebbe cambiare se non nelle prossime settimane sicuramente nei prossimi mesi. Collegandos come hai fatto tu in effetti appare la campannellina con le notifiche. Non c’è però collegandosi con facebook o twitter credo. Per la funzione in home posso pensarci e vedere se riesco a fare qualcosa. Grazie mille per i consigli, sono utilissimi. Se ne hai altri non esitare a scrivermi, se preferisci anche sulla pagina facebook, che forse è un po’più comodo.

  1. 10 luglio 2017

    […] Space X o Blue Origin? […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.